Italian Government: Open Letter to the Italian Minister for Technology Innovation

Despite the Italian Budget law considered open source as a favorable factor in assigning funds to sustain innovation by local public administrations, informed voices say funds for 2007 are vanished.

Talking with my friend and open source advocate Flavia Marzano we decided to write an open letter to the Italian Minister for Technology Innovation Luigi Nicolais, and we asked associations, CIOs in the public sectors and professors to sign the letter.

Punto Informatico, one of the most important Italian IT online magazine, today reported the letter, and I am looking forward to know all the (open source) truth!

Below the original text (Italian). Fellow bloggers, spread the word as you did before!

Lettera aperta sui contributi per la realizzazione dei progetti per la società dell’informazione

Alla cortese attenzione di:
Luigi Nicolais
Ministro per le riforme e le innovazioni nella pubblica amministrazione
Via Isonzo, 21/b – 00198 ROMA

Beatrice Magnolfi
Sottosegretario per le Riforme e le Innovazioni nella P.A.
Via Isonzo, 21/b – 00198 ROMA

Egregio Sig. Ministro,
Lei è conscio del fatto che il futuro del nostro paese e più in generale dell’Europa non può più prescindere da un utilizzo consapevole e maturo delle nuove tecnologie. In questo quadro il ruolo dell’informatica, che costituisce l’infrastruttura portante di realtà pubbliche e private, è fondamentale.
Nel corso degli ultimi anni diverse regioni italiane hanno promosso ed approvato leggi che favoriscono l’adozione di soluzioni informatiche basate su codice a sorgente aperto, ma è con la legge n. 296 del 23 dicembre 2006, “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato”, che lo Stato italiano privilegia per la prima volta tali soluzioni.

892.(Contributo per la realizzazione dei progetti per la società dell’informazione) Al fine di estendere e sostenere in tutto il territorio nazionale la realizzazione di progetti per la società dell’informazione, è autorizzata una spesa di 10 milioni di euro per ciascuno degli anni 2007, 2008 e 2009. Con decreto di natura non regolamentare, entro quattro mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Ministro per le riforme e le innovazioni nella pubblica amministrazione, di concerto con il Ministro per gli affari regionali e le autonomie locali per gli interventi relativi alle regioni e agli enti locali, individua le azioni da realizzare sul territorio nazionale, le aree destinatarie della sperimentazione e le modalità operative e di gestione di tali progetti.

895.(Priorità dei progetti da finanziare) Nella valutazione dei progetti da finanziare, di cui al comma 892, è data priorità a quelli che utilizzano o sviluppano applicazioni software a codice aperto. I codici sorgente, gli eseguibili e la documentazione dei software sviluppati sono mantenuti in un ambiente di sviluppo cooperativo, situato in un web individuato dal Ministero per le riforme e le innovazioni nella pubblica amministrazione al fine di poter essere visibili e riutilizzabili.


Concordiamo con la Senatrice Magnolfi che in proposito ha dichiarato:

“Il fine è quello di sostenere la crescita di un’industria del software italiana in grado di competere con le grandi multinazionali, ma alimentando al contempo lo sviluppo locale nei territori. Si tratta di un settore in espansione formato da un arcipelago di piccole imprese, quasi sempre gestite da giovani, e capace di infondere al mercato un forte contenuto di innovazione e creatività.”

Il Web 2.0, One Laptop Per Child ed il nuovissimo eeePC sono solo tre esempi di come nel panorama internazionale l’offerta di tecnologia e servizi basati su codice a sorgente aperto sia in evoluzione, ed i fondi previsti dalla legge finanziaria possono contribuire a farci entrare a pieno titolo in questo panorama, realizzando e industrializzando soluzioni per la Pubblica Amministrazione.
Con questa lettera la ringraziamo per aver dimostrato sensibilità per questi temi e le chiediamo di adoperarsi a che gli articoli 892 e 895 della legge finanziaria vengano onorati.
È possibile che siano già stati impegnati e in tal caso le chiederemmo di farci sapere come siano stati spesi i primi 10 milioni di euro previsti per il 2007.
Nel caso non fossero ancora stati impegnati le chiederemmo di farci sapere se e come lo saranno e in quali tempi.
L’Italia può assumere una posizione di leadership nell’ambito della produzione ed erogazione di servizi e soluzioni basate su codice a sorgente aperto per il mercato della Pubblica Amministrazione, e questi fondi potrebbero creare i presupposti tecnici ed imprenditoriali affinché le nostre imprese possano commercializzarle anche all’estero.

In attesa di un suo cortese riscontro, restiamo a disposizione e cogliamo l’occasione per porgere i nostri più cordiali saluti,

Gabriele Bartolini
Associazione Italian PostgreSQL Users Group

Paolo Boscolo
Comune di Prato

Bud Bruegger
Comune di Grosseto

Angelo M. Buongiovanni
Associazione Il Secolo della Rete

Carlino Casari
CRS4

Giulio Concas
Università di Cagliari

Carlo Daffara
European working group on libre software

Renzo Davoli
Università di Bologna

Juan Carlos De Martin
Politecnico di Torino

Davide Dozza
Progetto Linguistico Italiano OpenOffice.org

Giulio De Petra
Regione Sardegna

Paolo Didoné
Associazione Software Libero

Roberto Galoppini
Progetto Linguistico Italiano OpenOffice.org

Raffaele Gareri
Provincia di Brescia

Antonella Giglio
Regione Sardegna

Stefano Maffulli
Free Software Foundation

Michele Marchesi
Università di Cagliari

Flavia Marzano
Associazione Il Secolo della Rete

Carlo Piana
Freedom Task Force della FSFE

Stefano Quintarelli
Equiliber

Giovanna Sissa
Associazione Il Secolo della Rete

Salvatore Tucci
Università di Roma Tor vergata

Pasquale Volontà
Provincia di Asti

Technorati Tags: Open Source Government, Italy, Italian Politicians, LuigiNicolais, SME, Public Administrations, Minister for Technology Innovation, Punto Informatico

Be Sociable, Share!

10 thoughts on “Italian Government: Open Letter to the Italian Minister for Technology Innovation

  1. I am going to the QualiPSo conference, if our Minister will pop up I’ll do my best to pose him the question, whereas organizers will allow me to do so.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>